Quanto costano i barbecue: guida alle fasce di prezzo

La scelta di un barbecue non è semplice perché i modelli in commercio sono tantissimi ed hanno prezzi molto differenti. Per riuscire ad orientarsi meglio e a combinare l’affare giusto per le proprie esigenze facciamo una panoramica dei vari tipi di barbecue e delle fasce di prezzo che occupano.

Il tipo di barbecue giusto

Prima di conoscere il prezzo bisogna sapere con certezza che tipo di barbecue si vuole comprare. La scelta è influenzata da tante variabili, tra cui lo spazio in cui andrà messo, in giardino oppure sul terrazzo, quante persone abitualmente parteciperanno alle grigliate, se nei dintorni vi sono altre famiglie a cui può dar fastidio l’odore di fumo, eccetera eccetera.

Molto comuni sono il barbecue a carbonella o a legna ma sono anche più difficili da gestire.

Inoltre producono parecchio odore perché per riuscire ad accenderli adeguatamente hanno bisogno di prodotti chimici volatili. I barbecue a gas usano una bombola di gas ricaricabile e sono molto più semplici da gestire, anche se i puristi della grigliata sostengono che non conferiscono ai cibi il sapore di abbrustolito del legno.

Alcune griglie a gas hanno la possibilità di essere aromatizzate, comunque non è la stessa cosa del legno o del carbone. Ci sono anche i barbecue elettrici, i più pratici di tutti, dal momento che non producono fumo e si possono usare anche al chiuso.

Da cosa è influenzato il prezzo

Il prezzo del barbecue è influenzato da tanti fattori, tra cui la marca, il materiale, la tipologia e le funzioni che ha. Un riferimento universale non esiste, anche se, come per qualsiasi altra cosa, conviene comprare modelli di marca e affidabili.

Inutile cercare di risparmiare e avere un articolo che si rompe dopo poco tempo o si usura prematuramente.

I barbecue cuociono in diversi modi: alla griglia, sulla piastra, su una lastra, oppure allo spiedo. Inoltre si possono posizionare sia in giardino che sul terrazzo, e ovviamente la location influenzerà la scelta dell’articolo. Se non vi sono spazi aperti a disposizione si possono usare quelli elettrici in cucina oppure quelli portatili, specialmente se si ha voglia di fare una bella scampagnata all’aperto.

I barbecue migliori

I barbecue più usati sono quelli a legna o a carbonella ma funzionano bene anche quelli a gas, mentre quelli elettrici sono adatti solamente a chi non ha uno spazio adeguato oppure vuole un articolo trasportabile. Vi sono poi i barbecue in muratura che sono tutta un’altra cosa e naturalmente i più costosi che ci siano in commercio.

Sono vere e proprie costruzioni da installare in un ampio giardino. Alcuni si possono spostare e riporre in un garage, tuttavia prima di comprare un barbecue di questo tipo bisogna avere il posto adatto dove metterlo quando si usa e quando non si usa. La griglia può avere un coperchio oppure no ed è un’altra variabile sia estetica che funzionale, perché il coperchio insaporisce maggiormente i cibi e riduce il fumo.

Fasce di prezzo: economica

I barbecue di fascia economica sono quelli che rientrano nei 200 euro e i più gettonati sono a carbonella. Generalmente hanno un ottimo rapporto prezzo qualità e sono abbastanza grandi da tenerli in giardino o in un ampio terrazzo. Spesso hanno le ruote per spostarli facilmente.

Alcuni si possono richiudere su sé stessi e mettere da parte quando non si usano. Spendendo un po’ di più si trovano articoli più grandi con griglie ampie e resistenti, equipaggiate con un coperchio in acciaio porcellanato per contenere il fumo e realizzare cotture speciali. Nella fascia economica rientrano anche i barbecue elettrici compatti, facili da usare e trasportabili.

Fasce di prezzo: media

I barbecue di fascia media arrivano a 400-500 euro e vi si collocano quelli a gas. Sono pratici, molto efficienti, puliti e si possono mettere in piccoli giardini o sul terrazzo. Alcuni modelli hanno un bruciatore doppio e dei termostati, inoltre montano quasi sempre le ruote e il coperchio in acciaio. Sono molto usati quelli con i piani di appoggio laterali per avere più spazio per cucinare.

In questa fascia di prezzo si trovano anche articoli trasportabili, che sono leggeri ma di ottima qualità costruttiva e realizzano delle grigliate eccellenti perché sono fatti con materiale di alta qualità e dotati di sistemi di areazione e di affumicatore.

Fasce di prezzo: alta

Tra i barbecue di fascia alta, ovvero superiore ai 500 euro ci sono quelli grandi, da tavolo, con coperchio e trasportabili. Hanno bruciatori potenti e bracieri in ghisa di alluminio, quasi sempre sono equipaggiati con ampi ripiani laterali.

La base di appoggio è sempre presente nei barbecue di fascia alta, che sono ideali da mettere in un grande giardino dove si organizzano spesso party estivi affollati. Solitamente sono dotati di un mobiletto sottostante con sportelli e piastre aggiuntive che si puliscono facilmente. I migliori hanno il controllo della temperatura attraverso una app per lo smartphone.

Ex tecnico hardware e software con studi di ingegneria informatica alle spalle, mi dedico da tempo alla scrittura on-line e sono in procinto di iscrivermi all’Ordine dei Giornalisti. Sono specializzato in tecnologia e ultime novità uscite sul mercato nel settore del divertimento all’aria aperta.

Back to top
sceltabarbecue.it